Minneapolis: pronti a smantellare la polizia. Solo la lotta paga!

Minneapolis: pronti a smantellare la polizia. Solo la lotta paga!
A dieci giorni dall’inizio delle proteste per l’uccisione di George Floyd, a Minneapolis è stato smantellato il distretto di polizia. Ecco dunque i primi risultati della rabbia delle tantissime piazze americane.

 

«De-found the police»

Il consiglio comunale di Minneapolis ha annunciato il piano di scioglimento del dipartimento di polizia. A New York sono stati tagliati i fondi statali destinati al Police Department. «Gli americani possono sopravvivere senza le forze dell’ordine attuali. La soluzione alla brutalità della polizia è semplice: definanziarla. Invece di finanziare i dipartimenti di polizia, una parte dei fondi va investita per la comunità, per i quartieri più marginalizzati»(CNN). Sono passate quasi due settimane dall’uccisione del quarantaseienne afroamericano. Ma la protesta dei dissidenti non sembra volersi placare. Gli scontri, le fiamme e i continui assalti alle stazioni di polizia hanno costretto le autorità politiche a prendere decisioni nette. Definanziare i distretti di polizia significa limitare la cultura della punizione e porre un freno all’azione repressiva dello Stato.

 

Poliziotti declassati

Oltre ai tagli ai fondi, le città americane si preparano a ridimensionare e disciplinare i poteri della polizia. Gli agenti che hanno abusato del proprio potere saranno progressivamente declassati e ricollocati in una nuova forza di ordine pubblico. Dovranno essere ridisegnate regole, procedure e gerarchie. L’obbiettivo dell’accoutability (responsabilità) degli organi di polizia è quello di istituire un nuovo sistema di regole in cui gli agenti dovranno rispondere del loro operato direttamente ai cittadini.

 

Solo la lotta paga

I nuovi provvedimenti attuati in diverse città americane ci dimostrano, ancora una volta, come solo il protagonismo dei cittadini e l’organizzazione della lotta possano portare a una trasformazione radicale della società. A chi sostiene che scendere in piazza non serva a nulla, a chi crede che l’oppressione non potrà mai essere eliminata, i dissidenti rispondono: «solo la lotta paga». Lo smantellamento della polizia di Minneapolis è solo il primo importante obbiettivo raggiunto. Vedremo i prossimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.