La rivolta non si ferma e infiamma gli USA

La rivolta non si ferma e infiamma gli USA
Continua la rivolta negli Stati Uniti in nome di George Floyd. A distanza di quattro giorni dall’uccisione del 46enne afroamericano, il bilancio di oggi conta: un 19enne morto a Detroit, scontri davanti alla residenza presidenziale, un agente morto a Oakland e l’intervento dell’esercito per sedare la rivolta.

 

Gli scontri davanti la Casa Bianca

Il livello del conflitto continua a crescere dopo l’incendio del commissariato di polizia nella città di Minneapolis. La rivolta si è diffusa velocemente in tantissime altre città americane e infiamma sempre di più col passare delle ore. Nella notte, a Washington, nei pressi della Casa Bianca, si sono verificati scontri tra i manifestanti e il Secret Service. La durezza degli scontri ha costretto i servizi segreti a prendere una decisione importante: chiudere la residenza e l’ufficio principale del Presidente degli Stati Uniti. Centinaia di persone sarebbero riuscite a superare la cancellata, ritrovandosi faccia a faccia con le guardie armate e i cani della sicurezza.

 

Spari sulla polizia

Più di settemila persone sono scese in strada a protestare per la morte di George Floyd. Diversi poliziotti sono tornati a casa gravemente feriti; alcuni riportano ferite da arma da fuoco. Nel bel mezzo delle fiamme, tra gli scontri e gli assalti alle stazioni di polizia, un agente del Servizio di protezione federale di Oakland, in California, è deceduto.
La polizia non riesce più a contenere le rivolte. I manifestanti stanno cacciando i poliziotti dai commissariati, costringendoli a fuggire in elicottero dai tetti.

Non sono mancate contestazioni anche a New York, dove i mezzi della polizia sono saltati in aria. La sede dell’emittente televisiva statunitense, CNN, è stata assaltata e un gruppo di poliziotti è stato colpito dall’esplosione di una bomba carta lanciata da un manifestante.

 

L’intervento dei militari

A seguito dei fatti di Minneapolis il Pentagono ha allertato i reparti di polizia militare. La National Guard del Minnesota rafforzerà la propria presenza nella città schierando, entro domani, 1700 soldati. L’annuncio è stato lanciato dal generale Jon Jense.
Anche qui, nella mattinata, colpi d’arma da fuoco sono stati sparati contro gli agenti di polizia nei pressi del quinto distretto. È evidente che, per le forze dell’ordine, la situazione è diventata incontrollabile. È in questi casi che lo Stato perde ulteriormente legittimità. Questa volta l’abuso di potere ha innescato una rivolta che adesso sfugge al suo controllo.
Avanti Minneapolis!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.