Palermo: studenti in presidio consegnano un dossier al Sindaco

Palermo: studenti in presidio consegnano un dossier al Sindaco

Questa mattina centinaia di studenti, attraverso cortei spontanei e non autorizzati, hanno attraversato Via Maqueda, per raggiungere Palazzo delle Aquile, sede del Comune di Palermo. Qui sono i giovani sono rimasti in presidio, mentre i rappresentanti di istituto sono stati ricevuti dal Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

Lo stato di agitazione degli studenti e delle studentesse di Palermo va avanti da diverse settimane. Strutture inadeguate, tetti che crollano, riscaldamenti che non funzionano. Questi sono solo alcuni dei motivi delle proteste. Più volte e in diversi istituti, i giovani si sono rifiutati di entrare in classe, proclamando assemblee straordinarie. Lo scorso venerdì avevano annunciato il presidio di oggi.

Verso le 9, sono partiti dalle loro scuole e, attraverso cortei spontanei e non autorizzati, hanno raggiunto la sede del Comune. Il presidio è stato animato da cori che hanno espresso in maniera netta le richieste dei giovani manifestanti: “Fondi, servizi, agibilità, lo studente vuole dignità”, ”noi in classe a congelare, nei vostri palazzi clima tropicale”.

I rappresentanti di istituto hanno incontrato il referente della Città Metropolitana di Palermo, Leoluca Orlando, e le altre figure istituzionali che hanno competenze in merito all’edilizia scolastica, per consegnare un dossier che raccoglie tutte le problematiche individuate dagli studenti.

«Oggi siamo in piazza, sotto la sede di chi ha gli strumenti per poter cambiare la situazione delle nostre scuole, ma preferisce ignorarla. Abbiamo individuato centinaia di cose che non vanno. Pretendiamo interventi concreti e immediati》- afferma il rappresentante del Liceo scientifico Benedetto Croce.

Non hanno intenzione di subire passivamente gli effetti del de-finanziamento e dei continui tagli alla scuola pubblica. Non si accontenteranno delle solite scuse, delle promesse fatte ma mai mantenute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *