ETA: “portare a casa i prigionieri è la sfida di Euskal Herria”.

ETA: “portare a casa i prigionieri è la sfida di Euskal Herria”.

logo-garaA una settimana dalla mobilitazione a Parigi, l’ETA sottolinea che il rilascio di prigionieri è già un obbiettivo e non fa parte di un’agenda da negoziare. Ed afferma che “Va da sé che l’ETA non detta la linea dei prigionieri”.
Oggi, 2 dicembre, manca solo una settimana alla chiamata della grande mobilitazione a Parigi dagli artigiani della pace. E in questo contesto, ETA ha inviato a GARA un comunicato che include un annuncio e diverse riflessioni sul “programma di risoluzione” del conflitto.
L’annuncio è che l’ETA ha deciso che Iratxe Sorzabal e David Pla non sono più gli interlocutori dell’organizzazione, dopo che sono stati scelti, insieme ad altri sei prigionieri incarcerati nei due stati (Spagna e Francia), come nuovi rappresentanti di Euskal Prisoner Politikoen Kolektiboa (EPPK).
“Dato che la loro priorità sarà questo nuovo lavoro, la responsabilità politica a cercare soluzioni alle conseguenze del conflitto viene assunto da altri rappresentanti”. L’Eta ha deciso di sollevarli dal loro precedente ruolo e lo rende pubblico.
Dibattito «interno»
Le riflessioni che sono incluse nella nota arrivata a GARA sono coerenti con questo annuncio. L’organizzazione basca, disarmata, sottolinea che «a seguito del dibattito nell’ EPPK, l’ETA ha interiorizzato perfettamente che i prigionieri politici baschi sono vicini a questo gruppo, che condividono il progetto politico della sinistra nazionalista e da quel punto di vista porteranno il loro contributo al progetto popolare, nazionale e statale di Euskal Herria ».
Di conseguenza, l’organizzazione continua, “è ovvio che l’ETA non diriga l’attività dei prigionieri che non rispondono alle [linee guida] dell’ ETA “.
Per raggiungere questo punto, l’organizzazione ricorda che il dibattito interno all’EPPK (concluso a giugno) ha rinnovato la sua linea d’azione che ha iniziato a essere attuato. “E d’altra parte, la società civile ha fatto un passo in avanti per approfondire il tentativo di superare le conseguenze del conflitto politico”, aggiunge l’Eta. “Viene espresso molto chiaramente che la risoluzione deve essere completa “.
Si colloca in questo contesto come “evidentemente notevole” la mobilitazione di sabato prossimo nella capitale francese. Ma allude anche al fatto che “allo stesso tempo, alcuni agenti, istituzioni e rappresentanti istituzionali stanno dimostrando il loro impegno affinché i diritti dei prigionieri siano rispettati”.
ETA cita poi che “la sinistra nazionalista ha rafforzato il tentativo di incanalare il contributo dei militanti politici che si trovano nelle prigioni”. E aggiungendo tutto questo, l’ETA giunge alla conclusione che “la sfida di portare a casa i prigionieri baschi è diventata una sfida per Euskal Herria”.

Agenda nelle mani del paese
In un altro passaggio di questa nota informativa, l’ETA sottolinea che l’organizzazione “ha iniziato a lasciare l’agenda della risoluzione nelle mani di Euskal Herria, come dimostrato dal processo di disarmo”.
Quali ripercussioni ha tutto questo? «Mentre il fatto che l’ordine del giorno della risoluzione è una richiesta di ETA che si unisce ad un processo di ipotetica negoziazione, l’opzione che la società civile, i settori popolari e le istituzioni esistenti in Euskal Herria abbraccino questo ordine del giorno darebbe a questa sfida una dimensione più grande ».
Nell’ultima parte di questo comunicato, ETA guarda al futuro per prevedere che «Euskal Herria avrà grandi sfide nei prossimi mesi e nei prossimi anni. Una di questa, una della principali, sarà quella di portare a casa tutti i prigionieri, gli esiliati e i deportati. Un ingrediente essenziale per completare il percorso di libertà. C’è un sacco di lavoro e di difficoltà da superare, e vogliamo chiedere di impegnarsi in questo a tutti coloro che condividono i valori politici e il progetto che l’ETA rappresenta».

Addio a Belen González
Questo messaggio ETA è datato 23 novembre e inizia con una menzione di Belen Gonzalez Penalba, che come rappresentante dell’organizzazione ha negoziato con due governi spagnoli e è venuta a mancare dopo una lunga malattia, il 16 novembre.
L’organizzazione si riferisce a lei come «gudari de ETA (guerriera dell’ETA)» e aggiunge che «vogliamo sottolineare che è stata un modello per tutti i suoi compagni e compagne. Agur eta ohore, Belen. Come ti abbiamo detto non molto tempo fa, hai sempre avuto il tuo posto nel calore di questa casa. Condoglianze e l’abbraccio più forte per la tua famiglia e i tuoi amici».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.