Lettera da un agricoltore: saremo costretti ad abbandonare i terreni

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di Antonio Parrinello, fondatore e portavoce del comitato giovani agricoltori.  Già nel mese di giugno Antonio ci aveva parlato (qui) dei problemi che vive il comparto vitivinicolo e delle responsabilità dei governi regionali e nazionali. Ancora oggi, però, non sono state attuate politiche atte a fronteggiare la crisi che vive il settore agricolo. In più sembra esserci all’ordine del giorno la ratificazione del CETA (l’accordo di libero scambio tra EU e Canada). Un accordo che penalizzerebbe mortalmente l’agricoltura siciliana. 

Lettera aperta di Antonio Parrinello, portavoce del comitato giovani agricoltori Marsala e Petrosino.

Il periodo della vendemmia è quasi agli sgoccioli. Ci ritroviamo a fine Settembre, un mese sacro per noi produttori perché è proprio in questi giorni che raccogliamo il nostro oro giallo. Un momento tanto atteso per i sacrifici fatti durante l’anno, ma allo stesso tempo pieno di stanchezza, tensione, delusione e rabbia.
Si, la rabbia è tanta!

Il calo della produzione che si aggira tra il 30 e il 50%, la riduzione delle superfici vitate, i costi di gestione in continuo aumento, i cambiamenti climatici e le avversità atmosferiche stanno mettendo in crisi profonda il nostro settore.
Oltre il danno anche la beffa: i prezzi delle nostre produzioni hanno subìto ribassi ingiustificati e ingiusti.
Se non ci sarà un aumento consistente del prezzo del vino saremo costretti ad abbondare i nostri terreni perché non riusciremo più a coprire i costi di gestione.

Il comitato chiede che tutti i presidenti delle cantine sociali presenti sul territorio trapanese facciano squadra affinché il nostro prodotto conferito in cantina sia venduto a un prezzo equo che possa permetterci di vivere dignitosamente del nostro lavoro nel nostro territorio. “Prezzo minimo garantito”- questo pretendiamo.
Chiederemo a tutti gli organi competenti di vigilare affinché non venga permesso l’ingresso e l’utilizzo di mosto a basso costo e soprattutto di indubbia provenienza e che le quantità per ettaro siano reali e non solo su carta.

Ci auguriamo che i problemi del comparto vitivinicolo in questa provincia possano essere attenzionati dal neo Ministro alle politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova. Il comitato comunica inoltre che, appena conclusa la vendemmia, organizzerà una riunione informale, preannunciando uno stato di agitazione della categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *