La mostra sul 1866: la Comune di Palermo, un’insurrezione dimenticata.

Dal Proclama n. 2: «Concittadini, la rivoluzione è il più santo dei doveri. Tollerare in pace i crimini dell’obbrobriosa monarchia non è vigliaccheria soltanto, ma consentita complicità. permettere il male vale quanto commetterlo. noi siamo nel caso della legittima difesa…»

Zabùt Centro documentazione Lotte sociali

qui puoi vedere e scaricare l’intera mostra in formato .pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *