de luca

De Luca faccia il sindaco e non lo sceriffo

di Luigi Sturniolo

Cateno De Luca vuole fare il Sindaco contro i poveri, contro chi vive ai piani bassi della società, contro i lavoratori, contro i senza-nulla? Ci sta riuscendo. Ha iniziato con la caccia al lavoratore fannullone, che ha più il carattere dell’azione spettacolare che quella di una vera riorganizzazione del lavoro nella amministrazione del Comune e dei suoi servizi. Poi è passato a farsi parte civile contro gli inquilini della ex Foscolo. Infine si è scagliato contro ambulanti e mendicanti. Ma dai, Cateno, era questo che intendevi quando dicevi che volevi rivoltare la città, che volevi fare piazza pulita di chi l’aveva distrutta, indebitata, impoverita?

Certo, il sindaco fa leva su un sentimento generale che vorrebbe una migliore organizzazione dei servizi, una città più vivibile, il soddisfacimento dei bisogni essenziali. Insomma il sindaco che vorrebbe essere innovativo, social, con un rapporto diretto con i cittadini, finisce per utilizzare gli strumenti più retrivi. Alla fine approda allo tradizione medievale di allontanare i poveri dalla città. Piuttosto che combattere la povertà combatte i poveri, li allontana alla vista. Un terribile arretramento sociale e culturale, espressione di una logica giustizialista con i poveri e indulgente con i ricchi.

De Luca vuole fare pulizia, vuole combattere il malaffare, vuole colpire chi ha mandato in malora questa città? Ne ha la possibilità. Ha in mano la macchina amministrativa. Ha in mano i bilanci. Ha in mano le carte che gli possono dire chi ha speso i soldi pubblici e come, dove si è annidata la corruzione, come si è formata quella immensa mole di debiti che costringe tutti noi a pagare tasse salate e avere servizi di merda. Insomma, faccia il sindaco invece che lo sceriffo. Dice di capirne di diritto amministrativo, di essere bravo a leggere le carte. Ce lo dimostri una volta per tutte. Colpisca qualche ricco ogni tanto e dopo forse saremo anche contenti di pagare la multa se i vigili ci beccano con la macchina in doppia fila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *