Crolla il tetto in una scuola del catanese. Tragedia scampata.

Pericolo scampato per gli alunni della seconda elementare del plesso “Settebello Nord” (scuola “Teresa di Calcutta”) di Tremestieri Etneo, nel catanese.  Nella notte, infatti, gran parte del tetto ha ceduto. Stamattina, all’entrata, la brutta sorpresa.

Immediato il sopralluogo dei vigili del fuoco. Sui banchi è crollata una porzione di soffitto di circa 3mq. I genitori hanno manifestato subito la loro indignazione: 《cosa sarebbe successo se il cedimento fosse avvenuto durante l’orario scolastico?》 – 《Siamo in guerra》affermano.
La tragedia si è sfiorata solo per puro caso. 《Diranno non si poteva prevedere》continuano. Ma questo non è vero. In Sicilia le condizioni in cui versano le scuole, è noto a tutti. Quello che non è più possibile accettare è la totale non curanza da parte delle istituzioni.
Ogni anno le nostre scuole e le nostre università perdono migliaia di iscritti. Le insegnanti soffrono l’esodo della legge 107 e, a lungo andare, l’unico destino delle scuole siciliane rimane quello di scomparire.
Non è un caso quindi che non ci siano i soldi per la loro ristrutturazione e la loro messa in sicurezza. Nessuno ha interesse a investire su questo.
Questa è la conseguenza di un piano preciso che prevede la desertificazione del nostro territorio. Qui, della scuola e dell’università, non gliene frega niente a nessuno. Lo scopo è che da qui se ne vada più gente possibile per lasciare strada spianata a chi vuole discariche e raffinerie e arricchirsi sulla pelle degli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *