I catalani rispondono alla sentenza di Madrid

I catalani rispondono alla sentenza di Madrid. Nel pomeriggio di ieri bloccato l’aeroporto di Barcellona e le principali città del paese.

In decine di migliaia hanno invaso le strade delle città catalane e l’aeroporto di Barcellona per manifestare il dissenso nei confronti della sentenza arrivata dal Tribunale Supremo che condanna a 100 anni carcere gli indipendentisti catalani. Disordini e cariche della polizia.

Non tarda ad arrivare la risposta del popolo catalano alla sentenza del Tribunale Supremo di Madrid resa pubblica ieri mattina. Già nel pomeriggio in migliaia si sono riversati nelle strade delle principali città catalane. A Barcellona i manifestanti hanno bloccato le principali arterie della città, arrivando fino all’aeroporto. Lì, una marea umana ha invaso gli edifici mandando in tilt ogni cosa. Per ore i manifestanti sono rimasti a bloccare tutto. Diversi sono stati i momenti di tensione in cui la polizia ha provato a disperdere la folla senza successo.

Questa sentenza, senza ombra di dubbio, è arrivata per lanciare un messaggio chiaro a chi vuole l’indipendenza della Catalogna dallo Stato Spagnolo. L’obiettivo è intimorire e fiaccare una lotta che ha radici forti e che non può spegnersi nei tribunali del regno. La reazione di ieri è stata una dimostrazione di questo.
Le mobilitazioni del 2017 culminate nel referendum popolare per l’indipendenza, dichiarato illegale da Madrid, erano solo l’inizio di un processo di lotta lungo che non sembra volersi fermare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *